News

News (3)

Domenica, 22 Gennaio 2017 10:02

CONTO TERMICO 2017

Quali sono le novità del conto termico 2017?

Maggiore semplificazione nelle domande per accedere all'incentivo con obbligo da parte del gestore dei servizi energetici di formulare un elenco di prodotti per potenze fino a 35kw e 50 mq. per pannelli solari termici.

Inoltre sono stati confermati gli incentivi fino al 40 % della spesa per impianti di climatizzazione invernale, pompe di calore, di scaldacqua, e installazione collettori solari.

 

Venerdì, 19 Agosto 2016 15:53

CONTO ENERGIA TERMICO 2.0

Grazie al nuovo Conto Energia Termico 2016, in vigore da Giugno, è possibile beneficiare di tariffe incentivanti per l'installazione di collettori solari termici, e la più significativa novità introdotta rispetto al vecchio Conto Energia, è sicuramente il rimborso con rata unica in base all'intervento effettuato.

L'incentivo viene solitamente erogato in rate da 2 a 5 anni, ma se non supera i €. 5.000,00, viene liquidato in un'unica rata, e la liquidazione del rimborso avviene in 90 giorni dalla sottoscrizione del contratto con il GSE.

Si è puntati inoltre anche alla semplificazione della documentazione da inviare.

Per maggiori informazioni contattateci oppure compilate il modulo per richiedere un preventivo.

Domenica, 12 Ottobre 2014 09:15

POMPE DI CALORE

E' in vigore la tariffa D1, disponibile per tutti i clienti domestici che utilizzano pompe di calore elettriche come unico sistema di riscaldamento.

Questa nuova tariffa è costante a prescindere dai consumi, e quindi svincolata dal sistema tariffario a fasce che prevede prezzi crescenti in base al volume dell'energia consumata.

In altri termini la tariffa D1 rispecchierà i reali costi dei servizi di rete (trasporto, distribuzione e gestione del contatore) comportando un vantaggio economico agli utilizzatori domestici delle pompe di calore, tecnologia che attualmente stenta ancora a diffondersi nonostante le sue enormi potenzialità in termini di efficienza energetica e di raggiungimento dei target europei previsti dalla Direttiva 2012/27/CE.

Secondo gli ultimi dati forniti dall’ AEEG, un cliente domestico tipo, con consumi annui di circa 2.700 kWh, paga oggi per i servizi di rete prima descritti una quota pari a circa il 35% della propria bolletta, percentuale che può però arrivare fino al 48% in caso di consumi più elevati, come nel caso delle pompe di calore.

Queste ultime infatti, malgrado il loro alto livello di efficienza energetica, portano a maggiori consumi e quindi ad un aumento della bolletta, contenibile per ora solo utilizzando un secondo contatore dedicato alle pompe di calore.

Quindi, grazie all’ introduzione della nuova tariffa, questa tecnologia sarà finalmente competitiva non solo sul fronte della sostenibilità, ma anche su quello economico.

Per aderire è necessario presentare la richiesta al proprio venditore di energia elettrica. Se appartiene al regime di maggior tutela è tenuto ad accogliere la richiesta di adesione.

Se invece ci si trova nel mercato libero, prima bisogna verificare che il venditore abbia deciso di aderire alla sperimentazione, perché non è obbligatorio.